Due spettacoli debuttano al Carignano e al Gobetti

11/02/2019

Due spettacoli debuttano al Carignano e al Gobetti

Martedì 12 febbraio 2019, alle ore 19:30, debuttano due spettacoli per la Stagione in Abbonamento del Teatro Stabile di Torino.

Al Teatro Carignano, Il gabbiano di Anton Cechov, nella versione italiana di Danilo Macrì, per la regia di Marco Sciaccaluga. Lo spettacolo è interpretato da Roberto Alinghieri, Alice Arcuri, Elsa Bossi, Eva Cambiale, Andrea Nicolini, Elisabetta Pozzi, Stefano Santospago, Roberto Serpi, Francesco Sferrazza Papa, Kabir Tavani, Federico Vanni. Le scene e i costumi sono di Catherine Rankl, le musiche di Andrea Nicolini, le luci di Marco D’Andrea.
Lo spettacolo, prodotto dal Teatro Nazionale di Genova, resterà in scena al Carignano fino a domenica 24 febbraio 2019.

Al Teatro Gobetti, Hamlet Travestie da John Poole e Antonio Petito a William Shakespeare, scritto da Emanuele Valenti e Gianni Vastarella. Lo spettacolo, diretto dallo stesso Emanuele Valenti che cura anche lo spazio scenico, è interpretato da Giuseppina Cervizzi, Christian Giroso, Vincenzo Salzano, Valeria Pollice, Emanuele Valenti, Gianni Vastarella. Disegno luci di Giuseppe Di Lorenzo, dramaturg Marina Dammacco. Collaborazione artistica Mirko Calemme.
Hamlet Travestie, prodotto da Punta Corsara e 369gradi in collaborazione con Teatro Franco Parenti, resterà in scena al Gobetti fino a domenica 17 febbraio 2019.


\ COMING SOON

23/02/2019 - 09/03/2019 – Personale
Artgallery37

Mario Fior – Lisbona Perspectives

Mario Fior – Lisbona Perspectives

L’artista Mario Fior reduce da importanti eventi artistici nazionali ed internazionali, presenta, nelle sale di Artgallery37, una serie di 34 opere fotografiche fine art di vario formato, riguardanti Lisbona, la capitale del Portogallo. (...)


23/02/2019 - 10/03/2019 – Personale
Associazione culturale Quasi Quadro

Secco

Secco

Associazione culturale Quasi Quadro presenta Secco, mostra personale di Davies Zambotti, artista che attraverso i suoi lavori ricerca e analizza l’impossibilità della certezza umana, utilizzando il video e la fotografia come un microscopio, una lente con cui poter osservare le ombre fra gli interstizi del quotidiano. (...)