Her/Herr

22/03/2018 - 21/04/2018 – Personale
Burning Giraffe Art Gallery

Her/Herr

A partire da giovedì 22 marzo 2018, la Burning Giraffe Art Gallery di Torino presenta la mostra Her/Herr, la prima personale torinese dell’artista multidisciplinare Cristina Gardumi, vincitrice del TINA Prize 2017, per cui si realizza questa mostra a cura di Alessandra Ioalé.

Attraverso un corpus di opere inedite, costituito da due installazioni: una fotografica con interventi pittorici e una interattiva, e dalle animazioni video da cui è tratta la serie di dipinti su carta, portiamo all’attenzione il lavoro di ricerca di questa pittrice, illustratrice, performer e attrice teatrale, bresciana di nascita ma pisana di adozione, dal talento riconosciuto a livello internazionale, come attestato dai prestigiosi riconoscimenti che si sono susseguiti negli anni, quali il Celeste Prize, il Premio Arte Laguna e il Combat Prize. 

Con Her/Herr, titolo significativo – “her”, che in inglese significa “lei”, e “herr”, che in tedesco significa “signore” – che rivela il carattere di una mostra che vuole giocare e gioca sul filo dell’ambiguità di genere, l’artista porta avanti una riflessione sul concetto di travestimento e sulle pratiche di smascheramento del maschio contemporaneo.

Il percorso ha inizio sulle pareti della galleria con l’installazione Peep show, una cospicua serie di fotografie vintage, in cui l’intervento pittorico dell’artista ribalta il senso della situazione reale fotografata innestando i suoi personaggi dalla testa animale all’interno dei paesaggi, a loro volta contemplati dai reali protagonisti degli scatti, che diventano inconsapevoli voyeur.

Prosegue con le animazioni video Her/Herr, che dà il titolo alla mostra, da cui sono tratti i puHer, personaggi significativi ritratti dall’artista con i loro oggetti di piacere.

Il percorso si conclude con l’installazione interattiva, che occupa il centro della seconda sala espositiva, costituita da un trompe-l’oeil da letto in stoffa, ovvero un copriletto (che ciclicamente verrà cambiato) su cui il pubblico potrà sdraiarsi e farsi un selfie con il personaggio o i personaggi dipinti e calarsi finalmente in una delle messe in scena dell’artista.

Burning Giraffe Art Gallery.
Via Eusebio Bava 8/a – 10124 Torino.
Vernissage: giovedì 22 marzo, ore 18:30 - 21:30.
Orario di apertura: martedì - sabato, 14:30 - 19:30 (mattina su appuntamento).
22 marzo 2018 - 21 aprile 2018.


\ NEWS

12/12/2018

Lux, Luce, Lucia

Lux, Luce, Lucia

Il 13 dicembre 2018, giorno del solstizio d’inverno, è il giorno di Santa Lucia, santa siracusana, protettrice della luce e dei non vedenti. (...)


11/12/2018

Un Natale coi Fiocchi in Borgo Campidoglio!

Un Natale coi Fiocchi in Borgo Campidoglio!

Venerdì 14 dicembre 2018, Le ecomagie di Vito Navolio.
Ore 18:30, presso la sede del MAU – Museo d’Arte Urbana.
L’artista Vito Navolio ci racconterà e mostrerà come trasforma materiali di riciclo in splendide opere d’arte. (...)




06/12/2018

A Vercelli il reading “Diritti non dritti”

A Vercelli il reading “Diritti non dritti”

Domenica 9 dicembre 2018 alle ore 16:30, in occasione della Giornata mondiale dei diritti umani (10 dicembre 2018), il Museo Borgogna di Vercelli presenta il reading “Diritti non dritti. Una storia di affermazioni e violazioni” a cura di Laura Berardi e Antonio Maria Porretti. (...)



04/12/2018

Il MAO – Museo di Arte Orientale compie dieci anni!

Il MAO – Museo di Arte Orientale compie dieci anni!

Per celebrare questa ricorrenza il MAO – Museo di Arte Orientale di Torino presenta un ricco calendario di iniziative e attività, fra cui concerti e reading musicali, visite guidate, conferenze, danze indiane, cerimonia del tè, esibizioni di arti marziali e molto altro ancora. (...)


04/12/2018

Il concorso internazionale “Tra borgo e fabbrica”

Il concorso internazionale “Tra borgo e fabbrica”

In vista della candidatura della Sacra di San Michele a patrimonio mondiale dell’Unesco, il Comune di Sant’Ambrogio, in collaborazione con il Politecnico di Torino e la Regione Piemonte, indice il bando “Tra borgo e fabbrica”. (...)