High Society

17/01/2018 – 27/01/2018 - Mostra
Galleria Zabert

High Society

Alla Galleria Zabert, il 17 gennaio 2018 inaugura la nuova mostra dell'artista Carla Chiusano, curata da Luca Beatrice, che indaga con un'ironia leggera e graffiante la vanità e le contraddizioni dell'alta società.

Sei pupazzi di peluche seduti su un comodo divano ci guardano stupiti di così tanto interesse da parte nostra.
È opinione comune il loro essere teneri e carini, bisognosi di protezione.
Ma per l'artista, invece, i “simpatici pupazzi” sono gli efficaci rappresentanti dell'High Society, quelli che decidono, sanno, intrigano, spostano.

Ma la mostra non si limita ai morbidi peluche: ben più ambigui, interrogativi, persino minacciosi, sono i ritratti di animali ripresi e immortalati nel particolare taglio “close up” che ci permette di analizzarne dettagli e particolari apprezzando la qualità pittorica dell'autrice.

Accanto all'High Society, Carla Chiusano presenta anche opere di un ciclo parallelo sviluppato negli ultimi anni e dominato da una ricerca più minimale, dove il colore bianco fa da protagonista.
Sono immagini che partono dalla vita quotidiana, in gesti apparentemente banali come il soffermarsi a leggere una scritta su un muro e quindi immaginarla quale punto di partenza per una storia nuova.

Galleria Zabert.
Piazza Camillo Benso Conte di Cavour 10 - 10123 Torino.
Inaugurazione: mercoledì 17 gennaio 2018, dalle 18 alle 21.
17 gennaio 2018 - 27 gennaio 2018.


\ NEWS

15/11/2018

Fabrizio De André – Remember 2.0

Fabrizio De André – Remember 2.0

All’Auditorium del MAUTO – Museo Nazionale dell’Automobile arriva una serata interamente dedicata al ricordo del cantautore Fabrizio De André, attraverso un percorso concertistico ma anche poetico, artistico e video fotografico. (...)



13/11/2018

Cauleen Smith e la violenza di genere

Cauleen Smith e la violenza di genere

L’artista interdisciplinare statunitense incontrerà il pubblico del Castello di Rivoli – Museo d’arte contemporanea per discutere dei propri lavori dedicati alla violenza di genere. (...)