LETDOWN Sanya Kantarovsky

03/11/2017 - 25/02/2018 - Personale
Fondazione Sandretto Re Rebaudengo

LETDOWN Sanya Kantarovsky

Letdown è la mostra personale di Sanya Kantarovsky.

Occupando lo spazio austero e minimalista della Fondazione Sandretto, progettato da Claudio Silvestrin, la mostra si articola davanti all'immagine dipinta di una Khrushchyovka semidemolita: il murale mette involontariamente a confronto una forma alta di architettura contemporanea con l'economia e la violenza delle case popolari sovietiche. I dipinti di Kantarovsky sono appesi in cima all'edificio, e le loro cornici rettilinee ne riecheggiano la facciata a lastroni. I dipinti sono essi stessi cornice geometrica della brutalità: pieni di esperienze dolorose, trasudano esitazione e fragilità, e ci presentano corpi che si contorcono in atti di sottomissione. Ciascuna opera crea la propria arena prefabbricata, in cui si svolgono azioni come spingere, tirare, abradere, lavare e cancellare.

Un'opera in contraddizione con se stessa, come molte dell'artista, Letdown (2017) fa riferimento a emozioni opposte: in inglese letdown significa sia delusione che produzione di latte materno. Questa paradossale simultaneità di costernazione e soddisfazione si cristallizza come tema centrale della mostra.

Opening

3 novembre 2017, ore 19


\ NEWS

14/12/2017

I due giorni di ARTI – Grammatica di una città

I due giorni di ARTI – Grammatica di una città

Il 20 e 21 dicembre il Dipartimento Educazione Castello di Rivoli e ISMEL proporranno presso il Polo del ‘900 di Torino ARTI - Grammatica di una città: due giorni di riflessioni e celebrazioni sul tema della “rinascita”, intesa in senso ampio come rigenerazione dei luoghi, dei quartieri e del tessuto sociale attraverso la cultura e l'esperienza dell'arte (in concomitanza con il 21/12, giorno del Rebirth-Day di Michelangelo Pistoletto). (...)


14/12/2017

Si riallestisce la GAM

Si riallestisce la GAM

La GAM – Galleria Civica d'Arte Moderna e Contemporanea di Torino inaugura una nuova esposizione permanente delle sue collezioni con un allestimento innovativo, che abbandona l'ordinamento tematico per offrire al pubblico un percorso che ricompone la storia del primo Museo Civico d'Arte Moderna d'Italia e che racconta la storia dell'arte moderna attraverso le proprie raccolte, le acquisizioni e le politiche culturali promosse dai suoi direttori, tra i quali Pio Agodino, il primo alla guida del museo, Emanuele d'Azeglio, Vittorio Avondo, Enrico Thovez, Lorenzo Rovere, Vittorio Viale e Luigi Mallé. (...)


14/12/2017

Al PAV arriva La libera scuola del giardino

Al PAV arriva La libera scuola del giardino

I laboratori della domenica pomeriggio al PAV (Parco Arte Vivente), Domenica=Workshop, sono momenti collettivi che permettono di approfondire le tematiche suggerite dalle opere esposte, dove l'arte contemporanea, la natura e la scienza sono i saperi al centro di appuntamenti pensati per il tempo libero comune di adulti e bambini. (...)