NEXT. Avanti il Prossimo!

04/03/2018 - 04/03/2018 – Installazione
Spazio Parentesi

NEXT. Avanti il Prossimo!

L’installazione, ideata dal poeta Davide Galipò e presentata a Spazio Parentesi domenica 4 marzo 2018, prevede una cabina elettorale in un ambiente in penombra, con due specchi a riflettere l’elettore in alto e in basso, quindi fissati al soffitto e sul pavimento.

NEXT è pensata per essere fruita da uno spettatore per volta, che accede nella cabina elettorale accompagnato da una vecchia canzone che si ripete ossessivamente.
L’elemento teatrale è molto importante: una scrutinatrice avvenente accoglie sorridente l’elettore all’ingresso, dandogli la matita con cui dovrà esprimere la sua preferenza.

L’elettore però non sa cosa lo aspetta: all’interno della cabina, adagiata su un ripiano, c’è la scheda elettorale per la preferenza, ma tutti i simboli sono uguali.

L’effetto straniante di questo elemento, che di fatto annulla il senso dell’azione che è stata richiesta all’elettore, viene accentuato dalla presenza di un inginocchiatoio, posto all’interno della cabina elettorale, sul quale bisognerà poggiarsi per esprimere il voto.

L’unico modo per esprimere una preferenza è lanciare il dado posto sul ripiano e segnare il numero corrispondente alla casella sulla scheda. Le caselle sulla scheda elettorale sono in tutto sei, come le facce del dado; se, per esempio, esce il numero 6, l’elettore dovrà barrare la casella 6.

Altro elemento importante: la luce.
L’interno della cabina elettorale è illuminato da una lampadina a tempo, che si spegnerà ogni cinque minuti, che più o meno corrispondono al tempo necessario durante il quale l’elettore potrà rendersi conto dell’inganno, essere frustrato o  divertito, decidere di stare al gioco oppure rifiutarlo.
In quel momento, la luce si spegne, la musica s’interrompe.
Al suo posto si accende una luce rossa, con su scritto «next», che fa capire all’elettore che il tempo è scaduto e che dovrà lasciare il posto a chi verrà dopo di lui.

All’uscita dalla cabina elettorale, l’elettore viene ringraziato dalla soubrette, che nel frattempo si è trasformata in un uomo travestito. La soubrette-trans attende sorridente che l’elettore riponga la sua scheda nella scatola, saluta. E tutto può ricominciare.

Spazio Parentesi.
Via Belfiore 19 – 10125 Torino.
04/03/2018 - 04/03/2018.


\ NEWS

12/12/2018

Lux, Luce, Lucia

Lux, Luce, Lucia

Il 13 dicembre 2018, giorno del solstizio d’inverno, è il giorno di Santa Lucia, santa siracusana, protettrice della luce e dei non vedenti. (...)


11/12/2018

Un Natale coi Fiocchi in Borgo Campidoglio!

Un Natale coi Fiocchi in Borgo Campidoglio!

Venerdì 14 dicembre 2018, Le ecomagie di Vito Navolio.
Ore 18:30, presso la sede del MAU – Museo d’Arte Urbana.
L’artista Vito Navolio ci racconterà e mostrerà come trasforma materiali di riciclo in splendide opere d’arte. (...)




06/12/2018

A Vercelli il reading “Diritti non dritti”

A Vercelli il reading “Diritti non dritti”

Domenica 9 dicembre 2018 alle ore 16:30, in occasione della Giornata mondiale dei diritti umani (10 dicembre 2018), il Museo Borgogna di Vercelli presenta il reading “Diritti non dritti. Una storia di affermazioni e violazioni” a cura di Laura Berardi e Antonio Maria Porretti. (...)



04/12/2018

Il MAO – Museo di Arte Orientale compie dieci anni!

Il MAO – Museo di Arte Orientale compie dieci anni!

Per celebrare questa ricorrenza il MAO – Museo di Arte Orientale di Torino presenta un ricco calendario di iniziative e attività, fra cui concerti e reading musicali, visite guidate, conferenze, danze indiane, cerimonia del tè, esibizioni di arti marziali e molto altro ancora. (...)


04/12/2018

Il concorso internazionale “Tra borgo e fabbrica”

Il concorso internazionale “Tra borgo e fabbrica”

In vista della candidatura della Sacra di San Michele a patrimonio mondiale dell’Unesco, il Comune di Sant’Ambrogio, in collaborazione con il Politecnico di Torino e la Regione Piemonte, indice il bando “Tra borgo e fabbrica”. (...)