Overviewer – Mother Lemon

29/10/2019 - 18/01/2020 – Doppia personale
A Pick Gallery

Overviewer – Mother Lemon

A Pick Gallery ha il piacere di invitarvi, martedì 29 ottobre 2019 alle ore 18:30, all’inaugurazione della doppia personale di Jan Muche, artista berlinese, e Bianca Bondi, artista sudafricana invitata nell’ambito della collaborazione con la galleria JosèdelaFuente di Santander.

Overviewer propone una interessante panoramica sulla ricerca di Jan Muche attraverso alcuni lavori più datati (2008 - 2012) e una serie di opere prodotte appositamente per la mostra che mettono in evidenza un ritorno alla figurazione, senza tralasciare le sue composizioni architettoniche e le prospettive spiazzanti. Sulle tele vediamo la sovrapposizione di carte antiche e di tessuti, soggetti che portano l’attenzione sulla società e la politica moderna; riesce a unire in maniera fluida la presenza umana alla miscela astratta di forme e colori.

Il lavoro di Bianca Bondi pone l’attenzione in contemporanea sui fattori ambientali e sui processi digestivi legati al cibo, al benessere e all’ossessione della giovinezza, a partire dalla simbologia del limone. Il frutto infatti può essere considerato da una parte simbolo di amarezza e delusione e dall’altra simbolo di fedeltà e fertilità, assumendo così un’essenza femminile, materna. Il titolo Mother Lemon è un riferimento alla dualità di emozioni materne, buone intenzioni a volte così concentrate da diventare amore.

Le mostre saranno visibili fino a sabato 18 gennaio 2020.

A Pick Gallery.
Via Bernardino Galliari 15C – 10125 Torino.
Inaugurazione: martedì 29 ottobre 2019, ore 18:30.
29/10/2019 - 18/01/2020.


\ NEWS


18/11/2019

I prossimi eventi del progetto Incontri Illuminanti

I prossimi eventi del progetto Incontri Illuminanti

Il percorso Incontri Illuminanti è a partecipazione gratuita e coinvolge una cinquantina di classi delle scuole primarie e secondarie della Circoscrizione 5, protagoniste dei laboratori creativi sul tema Segni, Segnali, Simboli che partono dagli stimoli suscitati dall’opera di Luca Pannoli. (...)