Pittura spazio Scultura, il nuovo allestimento della GAM – Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea

05/02/2019

Pittura spazio Scultura, il nuovo allestimento della GAM – Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea

GAM – Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea di Torino presenta il nuovo allestimento delle collezioni del contemporaneo: Pittura spazio Scultura.

Si tratta della prima edizione di un programma di diversi ordinamenti che si succederanno su base biennale. Le diverse esposizioni permetteranno di far conoscere al pubblico la ricchezza delle collezioni del museo e di dare voce a molteplici letture e interpretazioni critiche.

Questo primo ordinamento, a cura di Elena Volpato, si concentra su due decenni, tra gli anni sessanta e gli anni ottanta, in rapporto di continuità cronologica con quanto è esposto nelle collezioni del Novecento, il cui arco temporale termina con le esperienze dell’arte Pop. Lo fa scegliendo di raccontare aspetti rilevanti delle ricerche artistiche di quegli anni, perlopiù scarsamente riconosciuti dalla più diffusa interpretazione storica.

L’inaugurazione avrà luogo giovedì 14 febbraio 2019 alle ore 18. L’allestimento sarà visitabile dal 15 febbraio 2019 al 4 ottobre 2020.

Immagine: Eliseo Mattiacci, Cultura mummificata, 134 calchi di libri in alluminio fuso, dimensioni variabili, 1972.


\ COMING SOON

23/02/2019 - 09/03/2019 – Personale
Artgallery37

Mario Fior – Lisbona Perspectives

Mario Fior – Lisbona Perspectives

L’artista Mario Fior reduce da importanti eventi artistici nazionali ed internazionali, presenta, nelle sale di Artgallery37, una serie di 34 opere fotografiche fine art di vario formato, riguardanti Lisbona, la capitale del Portogallo. (...)


23/02/2019 - 10/03/2019 – Personale
Associazione culturale Quasi Quadro

Secco

Secco

Associazione culturale Quasi Quadro presenta Secco, mostra personale di Davies Zambotti, artista che attraverso i suoi lavori ricerca e analizza l’impossibilità della certezza umana, utilizzando il video e la fotografia come un microscopio, una lente con cui poter osservare le ombre fra gli interstizi del quotidiano. (...)