Rachel Rose: Wil-o-Wisp

02/11/2018 - 03/02/2019 – Personale
Fondazione Sandretto Re Rebaudengo

Rachel Rose: Wil-o-Wisp

La Fondazione Sandretto Re Rebaudengo presenta una nuova videoinstallazione di Rachel Rose, prima assegnataria della Future Fields Commission in Time-Based Media, conferita all’artista dal Philadelphia Museum of Art e dalla Fondazione Sandretto de Rebaudengo.

Con un progetto sviluppato nell’arco di quasi due anni, questa commissione costituisce, per la sua portata, la creazione più ambiziosa mai realizzata dall’artista nella sua carriera, e l’opera prodotta entrerà a far parte delle collezioni di entrambe le istituzioni.

Rachel Rose è una nuova, importante voce della videoarte contemporanea, e ha ottenuto ampi riconoscimenti per il suo montaggio digitale, che giustappone immagini eterogenee e riferimenti storici. La nuova commissione le ha dato la possibilità di ampliare lo spettro dei suoi interessi, indagando strategie narrative e storytelling. Per Wil-o-Wisp, l’artista ha diretto un video in cui il destino di una donna si intreccia inestricabilmente con momenti di ribellione, diffidenza e persecuzione nell’Inghilterra agraria del XVI secolo, epoca in cui il movimento delle Enclosures portò alla privatizzazione dei terreni in tutto il paese. Il video segue diversi episodi del vissuto di Elspeth, alternando momenti di vita familiare e tragedia, pratica della magia e persecuzione.

Rose annoda insieme momenti drammatici e salti temporali, cambi di ritmo, una colonna sonora carica di emozione ed effetti visivi accuratamente costruiti. L’opera riflette sulla dura realtà della vita rurale inglese in un’epoca che vide crescere una cultura del sospetto, per cui donne come Elspeth, che praticavano forme non tradizionali di cura, erano spesso viste come una minaccia all’interno di una società sempre più regolata. Il titolo dell’opera, Wil-o-Wisp, fa riferimento alle luci spettrali che si vedevano aleggiare nottetempo sopra paludi e acquitrini e che, nel folklore, potevano avere l’effetto sinistro di disorientare le persone. Nell’opera di Rose, il titolo allude ai personaggi il cui percorso è determinato sia da scelte volontarie che dalla forza del caso.

Alla guida di un cast composto da circa trenta persone, Rose ha girato l’opera a Plimoth Plantation, un museo di storia vivente che si trova a Plymouth, Massachusetts, e che offre uno scenario di edifici d’epoca in architettura inglese spontanea, sullo sfondo di un austero paesaggio invernale. Lavorando sia con attori che non professionisti, e con le guide di Plimoth Plantation, Rose ha sfruttato il carattere peculiare del sito e al contempo l’ha arricchito, creando un proprio mondo immaginario all’interno dello scenario dato. Dai costumi alla scenografia, Rose ha scelto di mescolare materiali d’epoca e contemporanei.

Il video di Rose si caratterizza tanto per l’approccio intensivo alla post produzione quanto per l’attenzione che dedica alla sceneggiatura e all’allestimento del set. Dopo aver girato il video a Plimoth, ha infatti aggiunto ulteriori elementi, come un racconto composto in pentametro giambico, cantato da una voce eterea.

Le colonne sonore, orchestrale ed elettronica, hanno la funzione di accelerare il ritmo e creare effetti emotivi. Animali e persone generano sosia spettrali, e un muschio di un verde vivo sembra colonizzare il paesaggio deserto.

In quest’opera, Rose riprende anche il suo uso dei marginalia medievali: i personaggi disegnati che popolano i manoscritti medioevali sono qui composti in un collage, a formare parole che annunciano alcuni protagonisti e momenti all’interno della trama generale. Questi elementi fanno corpo con i drammatici eventi raffigurati, creando un mondo in cui le circostanze storiche si incontrano con la casualità e la magia del fato.

Fondazione Sandretto Re Rebaudengo.
Via Modane 16 – 10141 Torino.
Orari: giovedì, ore 20 - 23; venerdì - domenica, ore 13 - 20.
02/11/2018 - 03/02/2019.


\ NEWS

15/11/2018

Fabrizio De André – Remember 2.0

Fabrizio De André – Remember 2.0

All’Auditorium del MAUTO – Museo Nazionale dell’Automobile arriva una serata interamente dedicata al ricordo del cantautore Fabrizio De André, attraverso un percorso concertistico ma anche poetico, artistico e video fotografico. (...)



13/11/2018

Cauleen Smith e la violenza di genere

Cauleen Smith e la violenza di genere

L’artista interdisciplinare statunitense incontrerà il pubblico del Castello di Rivoli – Museo d’arte contemporanea per discutere dei propri lavori dedicati alla violenza di genere. (...)