Torna “La festa per chi resta”

23/07/2018

Torna “La festa per chi resta”

A conferma del successo ottenuto negli ultimi anni, anche nel 2018 la compagnia Assemblea Teatro rinnova la proposta della “Festa per chi resta” con un programma al Mausoleo della Bela Rosin che dai giorni di Ferragosto 2018 ci accompagna fino alla fine dell’estate.

Il calendario degli spettacoli è legato al pensiero e alla storia attraverso la rappresentazione e il ricordo di grandi eventi o personaggi del passato. La kermesse valorizzerà il giardino del Mausoleo della Bela Rosin e rappresenterà un momento di festa per chi trascorre l’estate in città e per i sempre più numerosi turisti che scelgono Torino per le loro vacanze.

I temi affrontati dagli spettacoli sono: il libero pensiero nelle riflessioni di Giordano Bruno e l’omaggio all’avvocato Bruno Segre che compie 100 anni; la guerra e la Shoa nelle parole di Anna Frank; la nostra Costituzione in quella dei padri della Patria, le battaglie per le libertà civili in Italia nel ricordo del referendum sul divorzio; il coraggio simbolico di Frida Kahlo nell’arte e l’emancipazione della donna; la difesa dell’ambiente in “L’uomo che piantava alberi”; la guerra di Bosnia in “Passi stracciati”; la figura di Pablo Neruda nel 45° anniversario della morte e quella di Fernanda Pivano e Fabrizio De André nel ricordo di “Spoon River” a oltre 100 anni dalla sua scrittura.

Ingresso agli spettacoli: 3,00 €.

Per informazioni sul calendario degli spettacoli: www.assembleateatro.com.


\ COMING SOON

23/02/2019 - 09/03/2019 – Personale
Artgallery37

Mario Fior – Lisbona Perspectives

Mario Fior – Lisbona Perspectives

L’artista Mario Fior reduce da importanti eventi artistici nazionali ed internazionali, presenta, nelle sale di Artgallery37, una serie di 34 opere fotografiche fine art di vario formato, riguardanti Lisbona, la capitale del Portogallo. (...)


23/02/2019 - 10/03/2019 – Personale
Associazione culturale Quasi Quadro

Secco

Secco

Associazione culturale Quasi Quadro presenta Secco, mostra personale di Davies Zambotti, artista che attraverso i suoi lavori ricerca e analizza l’impossibilità della certezza umana, utilizzando il video e la fotografia come un microscopio, una lente con cui poter osservare le ombre fra gli interstizi del quotidiano. (...)