Al via il XXII Valsusa Filmfest

10/04/2018

Al via il XXII Valsusa Filmfest

Dal 12 aprile 2018 al 26 aprile 2018 torna il Valsusa Filmfest. Il tema di questa edizione, la XXII, è “Fare Memoria”.

Il festival è diffuso, e avrà luogo in diversi centri della Valsusa e nel capoluogo piemontese, fra cui Almese, Avigliana, Bardonecchia, Chiomonte, Chiusa San Michele, Condove, Oulx, Torino e Vaie.

Il festival è poliartistico e itinerante e prevede un concorso cinematografico, il progetto Corti Dentro in tre carceri, incontri, teatro, musica ed eventi per le scuole.

Il tema dell’edizione è “Fare Memoria”, legato alla necessità di mantenere memoria, oltre che del passato, anche di un velocissimo presente, con eventi dedicati ai temi dei diritti civili, della legalità, della lotta alla mafia e delle migrazioni umane.

Tra gli ospiti: Gherardo Colombo, Letizia Battaglia, Cecilia Strada, Saba Anglana, Fabio Venditti, Irene Dionisio e Riccardo Gatti, capo missione della Ong Proactiva Open Arms che riceverà il Premio Bruno Carli.

Il festival prende il via il 12 aprile 2018 alle ore 21 al cinema di Condove con un “Omaggio a Carla Nosenzo Gobetti”, scomparsa lo scorso 5 gennaio 2018.

Moglie di Paolo Gobetti e nuora di Piero Gobetti, fondatrice nel 1961 del Centro Studi Piero Gobetti e facente parte del gruppo che ha fondato il Valsusa Filmfest nel 1997 insieme a Armando Ceste.

Saranno presenti: Nino Boeti, presidente Comitato Resistenza e Costituzione del Consiglio Regionale del Piemonte; Pietro Polito, direttore del Centro Studi Piero Gobetti; Gastone Cottino e Piero Dematteis.

Tutti gli eventi del festival sono gratuiti.

Maggiori informazioni e programma su www.valsusafilmfest.it.


\ COMING SOON

21/09/2018 - 13/01/2019 – Mostra
CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia

CAMERA POP. La fotografia nella Pop Art di Warhol, Schifano & Co.

CAMERA POP. La fotografia nella Pop Art di Warhol, Schifano & Co.

La mostra CAMERA POP. La fotografia nella Pop Art di Warhol, Schifano & Co ripercorre la storia della trasformazione del documento, fotografico nello specifico, in opera d’arte, giunta al culmine negli anni ’60. (...)