Home Page / Agenda / I see a darkness

I see a darkness

mostra
I see a darkness
dal 31/03/2016 al 11/09/2016
Fondazione Sandretto Re Rebaudengo

L’oscurità come condizione necessaria per l’apparizione dell’immagine proiettata, ma anche come metafora di uno stato psicologico dominato dalla melanconia, dal desiderio, dal ricordo, emozioni ricorre nelle opere della collettiva I see a Darkness.

Il titolo della mostra, è preso a prestito dall’opera di Joao Onofre, che mette in scena la performance musicale di due bambini che cantano l’omonima struggente ballata di Will Oldham.
Musica e melanconia si ritrovano anche nella monumentale video-installazione di Ragnar Kjartansson, The End, che immerge lo spettatore nel paesaggio delle Rocky Mountains canadesi dove si tiene un surreale concerto country.
Marine Hugonnier con The Last Tour porta il pubblico in un altro paesaggio montuoso: un poetico viaggio in mongolfiera tra le vette del Matterhorn.
Realtà e finzione si mescolano nel lavoro di Laure Prouvost, giovane artista francese che nel video Wantee evoca la figura storica di Kurt Schwitters, associata a quella immaginaria del nonno di Prouvost, artista concettuale la cui grande ultima opera sarebbe stata la creazione di un tunnel che collegasse il suo salotto all’Africa.
La malinconia nell’opera di Cerith Wyn Evans parte da un fatto di cronaca: il tragico omicidio di Pasolini sulla spiaggia di Ostia.
E’ invece onirico e sensuale Deer di Victor Alimpiev che mette in scena il desiderio struggente di una coppia divisa.
Meris Angioletti presenta l’installazione audio e luci Stanzas, prodotta dalla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo per la Biennale di Venezia del 2011. Angioletti richiama alla memoria un personaggio mitico della storia dell’arte, Aby Warburg, cui dedica un’opera che scompone l’immagine filmica nei suoi elementi basilari, luci e suoni, nella tradizione del cinema sperimentale, creando un parallelo tra lo spazio del set cinematografico e quello psichico, tra la proiezione filmica e le dinamiche mentali.

La collettiva è ospitata dal 31 marzo all’11 settembre alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo.

Fondazione Sandretto Re Rebaudengo
via Modane 16, Torino