Home Page / Agenda / Society, you’re a crazy breed

Society, you’re a crazy breed

mostra
Society, you’re a crazy breed
dal 09/03/2016 al 19/06/2016
Fondazione Merz

La Fondazione Merz presenta Society, you’re a crazy breed un progetto inedito degli artisti Botto&Bruno concepito come un’unica grande installazione che si relaziona al luogo che la ospita.

La mostra – a partire dal suo titolo, tratto dal brano Society di Eddie Vedder e colonna sonora del film Into the Wild – è un grido che vuole far riflettere sul futuro della nostra società.
Entrando nello spazio espositivo si è avvolti da un paesaggio fotografico che ricopre quasi per intero le pareti perimetrali e la pavimentazione.
A essere riprodotti sono periferie urbane all’interno delle quali si individuano tre luoghi di riflessione: un silos, un muro e un cinema concepiti dagli artisti come “ristori dell’anima”.

Il silos, simile per forma e dimensioni a quelli che occuparono lo spazio esterno della Fondazione,ex centrale termica delle Officine Lancia, è un luogo in cui la distruzione dell’uomo si è fermata.

Le immagini che lo ricoprono internamente riproducono una natura che si rimpossessa delle rovine,un luogo dell'immaginazione onirico.

Segue una porzione di muro aggettante da cui escono frammenti di carta, parole e frasi che si disperdono sulle pareti.

Infine, proseguendo nel percorso, ci si avvicina a una terza struttura: una piccola sala cinematografica denominata Cinema Lancia, ricostruita sul disegno della facciata dell'ex edificio industriale e ora

sede del museo. Nella sala è proiettato in loop l’ultimo e inedito video di Botto&Bruno Kidsworld, 2016, con musiche composte dagli artisti stessi e da Bartolomeo Migliore.

Il video è realizzato con la tecnica del cut-up, con spezzoni tratti da alcuni film accomunati da temi che riflettono le problematiche della vita nelle banlieue: l’inquietudine, la sensazione di solitudine dell’adolescenza e la ricerca sul vivere il proprio presente.

La mostra è a cura di Beatrice Merz e Maria Centonze ed è visitabile fino al 19 giugno.

Fondazione Merz
via Limone 24, Torino