Home Page / Focus on / Notte delle Arti Contemporanee 2014

Notte delle Arti Contemporanee 2014

Archivio

Musei, gallerie e spazi per l’arte aperti fino a tarda sera, ingressi gratuiti e ridotti, performance, installazioni, concerti: sabato 8 novembre Torino consolida il suo ruolo di capitale dell’arte contemporanea presentando un programma di eventi che prosegue fino a tarda notte.

La Notte delle Arti Contemporanee coinvolge come sempre musei e spazi del sistema: la GAM, il Castello di Rivoli, la Fondazione Merz, la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, il Museo  Nazionale del Cinema, la Pinacoteca  dell’Accademia Albertina e Palazzo Madama. 

Aperture speciali per altre mostre a Palazzo ChiableseMuseo Ettore Fico, Palazzo Cavour, Biblioteca Nazionale, e in altri spazi a Torino e in Piemonte.

Se invece si  vuole fare il tour delle diciannove Luci d’Artista per le vie e le piazze del centro, si può anche utilizzare un tram speciale (una motrice del 1933), che dalle 20 alle 24 accompagna il pubblico da un’installazione all’altra.

La notte dell’8 novembre è anche una serata di eventi importanti presso Paratissima a Torino Esposizioni e The Others alle ex-carceri Nuove, con mostre, performances e concerti.
Al Padiglione 1 del Lingotto Fiere c’è invece l’attesissimo Gran Finale di Club to Club con un cast di elettronica italiana e lo showcase Berlin Wall 25 in occasione dell’anniversario della caduta del muro di Berlino.

In tanti altri spazi di Torino e del Piemonte ci saranno eventi e spettacoli fino a tarda notte: Accademia Albertina, Bunker, Belfioredanza, Salsalvarte e altri.
Molte le gallerie che inaugurano e restano aperti: Biasutti&Biasutti, Giampiero Biasutti, Guido Costa Projects, Costantini, Dieffe, GAS, Galo, In Arco, Luce, Norma Mangione, Mazzoleni, Paola Meliga, Mutabilis, Franco Noero, Noire, Opere Scelte, FranzPaludetto, Alberto Peola, Giorgio Persano, Photo&Contemporary, Quartz Studio, Roccatre, The Portrait, Ermanno Tedeschi, Paolo Tonin, Weber&Weber.

Non mancano poi le iniziative delle scuole, come quelle ospitate a Palazzo Madama nel Salone del Senato, alla scuola dell’infanzia Baj e al Centro Remida, con opere realizzate dai bambini.