Home Page / Focus on / Salvino Campos. REDEMPTION

Salvino Campos. REDEMPTION

Archivio

"L'elemento in cui la divinità è presente è il Sacro. [...] Il Sacro è la traccia degli dei fuggiti..."

 M. Heidegger

Il lavoro del fotografo brasiliano Salvino Campos viene presentato per la prima volta a Torino in una mostra organizzata dall’Istituto Garuzzo per le Arti Visive – IGAV e curata da Maurizio Siniscalco

Salvino Campos_Candomblé - Salvador - Bahia - Brasil 2014_Pigment Print on Fine Art Barata Paper, 60x60cm, Edition of 03:03

Sedici fotografie raccontano l’entropia e l’incertezza che contrassegnano il mondo di oggi e che condizionano le nostre vite. “Redemption”, questo il titolo della mostra, è un viaggio per immagini in diversi contesti sociali e culturali dove, in bilico tra presa di coscienza della propria condizione personale e desiderio di riscatto, affiora però una volontà di “redenzione” che spinge gli esseri umani alla ricerca della spiritualità.

Salvino Campos_Vale do Amanhacer - Planaltina - Distrito Federal - Brasil 2004_Pigment Print on Fine Art Barata Paper, 60x60cm, Edition of 03:03

Volti e corpi decentrati, in posa o catturati di sorpresa, acconciature tribali e feste religiose, idoli e santi. Nell’opera di Salvino Campos si svela la vita nel suo divenire, attraverso paesaggi urbani e sentieri selvaggi. In bianco e nero, ispirata dalla luce, forte dei suoi contrasti. 

Salvino Campos_Silviolandia - Mato Grosso do Sul - Brasil 2003__Pigment Print on Fine Art Barata Paper, 60x60cm, Edition of 03:03

Con l’artista parliamo del suo lavoro e delle opere esposte in mostra, negli spazi di Palazzo Saluzzo Paesana.

Qui, un’anteprima della mostra:

La mostra, a cura di Maurizio Siniscalco con il coordinamento di Afrodite Oikonomidou, sarà visibile fino al 4 giugno 2017.

Salvino Campos 

Nasce in Brasile nel 1970 a Quartel Geral, nello stato di Minas Gerais. Studia a New York presso l’ICP (Centro Internazionale della Fotografia). Nel 2000 Campos si trasferisce a Napoli. La sua personale riflessione si inserisce in ambito postmoderno, in particolar modo per ciò che concerne il rapporto dell’uomo e delle sue tradizioni in un loro mondo globalizzato. In questa nuova dimensione, Campos assume un’etica che accentua la propria cifra stilistica attraverso la definizione di un impegno sociale e umanistico.